Chip chip chip

Di Eros R.F.

È fatta, la bella retorica opposizione al governo ha per l’ennesima volta dimostrato di esser una semplice rete da pesca per le prossime elezioni. Cosa ha fatto l’opposizione? Si limita a dire in tv, sui social, nei canali mediatici, e sporadicamente in piazza, di esser contro il governo Draghi. Come viene espresso tale dissenso verso il governo? Bhe, certamente votando a favore dei vari emendamenti, o proporne di altri accessori e marginali.
Ma di che stupirsi? Esiste più un partito, al di fuori del partito unico liberista? Io non ne vedo alcuno. Destra, “sinistra”, ci si scanna giusto su temi – per carità, a volte importanti in teoria – secondari. Si muore di fame, si fa la fila dalla caritas, spesso non si ha un tetto, ma hey, finalmente un referendum sulla legalizzazione della cannabis. Non vedevo l’ora. Ora potrò evitare di pensare a quanto stia nella merda; un passo avanti.
E il green pass? Eh ma il green pass è una misura volta a convincere le masse a vaccinarsi. Non è assolutamente una misura discriminatoria, e il tema della vaccinazione c’entra assolutamente col green pass. L’obbligo vaccinale serve, sì! Ma prima, fino ad allora, licenziamo tutti quelli che non vogliono vaccinarsi, o meglio ancora facciamoli ritirare dal proprio posto di lavoro forzandoli a spendere 15 euro in tamponi ogni 2 giorni, anche se spendiamo 20 centesimi nel produrli. Cosa vogliono di più? Prima costavano anche di più! Li abbiamo calmierati! Già è tanto che i vaccinati vi paghino le cure se vi prendete il covid, d’altronde dai, ammettiamolo, tutti abbiamo sempre pensato nel fondo del nostro cuore che chi va in ospedale perché fumatore, alcolizzato, o mangiatore seriale sia un peso per tutti noi. È colpa sua. Non s’è messo il casco? E vuole pure che gli paghiamo le cure? Ma si crede di stare in Cina? Il nostro modello è quello americano, per veri uomini che vengono premiati dal merito: sei ricco? Bhe allora se ti fracassi i polmoni e il setto nasale a suon di strisce bianche dopo tutto non è colpa tua; sei troppo bravo ed intelligente per esser reputato uno scemo che se l’è cercata. E il vaccino sì, lo so, lo pagate anche voi, ma è diverso. Anche se costa 15 euro alle casse dello Stato e il vostro solo 20 cent, il vaccino è utile, il tampone no, e quest’ultimo lo usate più volte; il vaccino solo 2.. 3.. 4.. vabbé insomma di meno del tampone.
Allora dai, licenziamo, snelliamo finalmente, di nuovo ed ulteriormente, la sanità e l’istruzione pubblica; ci sono troppi pazzoidi no-vax lì in mezzo. Tagliamo i rami secchi, poi introduciamo l’obbligo. Serve vaccinare la gente; i vaccini, anche con virus vecchi 2 anni ed ormai mutati migliaia di volte, funzionano alla grande. Fatto ciò togliamo il green pass.
…Anzi… anzi, ora che ci penso forse è meglio tenerlo. Non si sa mai. Sai che bello aver il potere di negare l’accesso ai servizi pubblici a tutti quelli che riteniamo pazzi? E la pazzia non si limita ad esser contrari alla vaccinazione o al pass anti-pazzoidi stesso: se critichi l’oggettività del sistema liberista, della sacralità della mano invisibile del mercato, della santa verginità dell’unione europea, e della beata Nato, cosa puoi essere, se non un pazzo? Ma in che mondo è mai possibile che abbia diritto di voto uno che non supporta il proprio esercito nell’esportazione di democrazia nei paesi retrogradi dove vanno in giro scalzi e con la barba? O addirittura renderlo uno strumento economico! Non paghi una multa? Niente green pass; i tuoi figli non vanno a scuola, così ti rendi conto di che fitozzo di uomo sei, a peso della società. E allora sì, manteniamolo questo green pass. Non si sa mai. E poi volete mettere? Preferite lo Stato autoritario che vi obbliga a vaccinarvi e, nel caso, vi risarcisce i danni? Ma che! Noi qua siamo civili. Sei libero di scegliere, ma se non ti vaccini paghi i tamponi; un po’ come le regole stradali, qualcuno ha detto giustamente in tv: infatti sei libero di non metterti il casco (o sbaglio?), però poi se non lo porti voglio che paghi un tot per avere tale diritto di libertà di circolazione. Come dite? È la stessa cosa di una multa? Quindi è come se fosse illegale non portare il casco? Ma che sciocchezze. T’ho detto che sei libero di non farlo. Solo che paghi. Ah sei povero? Bhe problemi tuoi; si vede che non ti meriti i soldi; il mercato premia i bravi. Quindi sì, sei libero di non farti il vaccino. Non c’è alcun obbligo, ma c’è un bel pass.
E ripeto, il green pass lo teniamo comunque, a scanso di equivoci, anche foste tutti vaccinati. È un simpatico strumento che ci servirà magari in futuro, se mi girano i coglioni. D’altronde stiamo in emergenza. E secondo me sarà emergenza anche dopo. E ancora dopo. Poi con quei bastardi cinesi, e i russi.. non si sa mai. E i talebani. Tornerà il terrorismo, ve lo dico io. Quindi sì, serve un pass. Un po’ come il patriot act, no? Sta lì da quando son state abbattute le torri gemelle. Era una misura temporanea simile quasi ad una legge marziale per metter in gattabuia potenziali terroristi (mica ce ne sono solo di islamici). Sta lì. Bhe, in effetti c’è sempre rischio terrorismo. È emergenza. Da 20 anni. Sì è vero anche ciò che dice Snowden: si muore più per cadute dalla vasca da bagno che per terrorismo. Però oh, intanto la legge sta lì; sia mai. E poi nel frattempo, fino alla prossima emergenza terroristica, è utile per rinchiudere qualche.. pazzo.. E soprattutto facciamo in modo che la gente dissidente pensi a cazzate così immense che si ridicolizza da sola.
E cosa penserà la gente?
La gente dorme. Ogni tanto si sveglia. Ultimamente pare che certi di stiano accorgendo che “la democrazia è morta”, “la costituzione è diventata carta straccia”, “il liberalismo sta morendo”. Io non ho mai visto democrazia in questo Stato, né una Repubblica. E la Costituzione è nata praticamente morta; i chiodi alla bara son stati messi col vincolo di bilancio grazie al cavaliere, il nostro salvatore, sotto ordine del nuovo sacro imperatore Mario Draghi.
E che dire del liberalismo, quell’aborto nato dalla mente di qualche illuminista ritardato. Per carità: è stato uno sviluppo storico necessario, dialetticamente parlando. Ma aborto rimane, e ritardati rimangono – soprattutto quelli che ancora credono alla favoletta del tutti uguali ma con mezzi, inizi, contesti diversi.
E che dire della questione controllo. Fortuna che qualcuno s’è svegliato – certamente, non voglio sputare sopra tali successi..
Ma che controllo ti vuole mettere il caro vecchio Billy, che già vieni spiato costantemente, 24/7, dal tuo telefonino. Tra l’altro comprato proprio da te. Neanche c’è il bisogno, da parte loro, di impiantarti questo benedetto chip. Ma dove eravate da quando è nata Wikileaks, da quando Assange e Manning son ricercati, e da quando Snowden è fuggito dalla bellissima terra della libertà e della democrazia? E la Cina? E la Cina? E la Cina? Ma che cazzo c’entra la Cina, branco di ritardati. Fino a prova contraria abbiamo basi americane, film americani, musiche americane, cultura americana; scemi in culo, la nostra cultura è già unta dal santo hamburger. Vi scandalizzate perché dovete mostrare un qr code, ma intanto sanno tutto di voi e se volessero potrebbero anche farvi saltare in aria con qualunque mezzo possibile – se volessero. Ora che vi hanno levato la cannuccia dalla bocca vi siete accorti che siete murati vivi? E non siete murati vivi in quanto non avete più la cannuccia con cui respirare: siete murati vivi da 30 anni. Sottolineo: 30 anni. Gridate ancora alla Cina.
“Sveglia!”